Benessere psicofisico messo a dura prova? Ricorri alla scultura muscolare. Di cosa si tratta

0
90
Benessere psicofisico
Benessere psicofisico (pixabay)

Il benessere psicofisico è messo a dura prova da un corpo che non senti tuo? Ricorrere alla Scultura Muscolare può rivoluzionarti la vita. Scopriamo di cosa si tratta

Benessere psicofisico
Benessere psicofisico (pixabay)

Il disagio sociale, la vita di relazione insoddisfacente, la dismorfofobia, l’isolamento sociale, la vita esasperata, le diete incongrue lo sport eccessivo, possono minare il benessere psicofisico di una persona rendendola insicura, ansiosa, sofferente, disagiata, rabbiosa e angosciata.

Sentiamo infatti spesso parlare di benessere psicofisico, ma sappiamo davvero cosa significa?

Oggi l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ci fornisce il significato di salute, intesa come “uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale, e non semplice assenza di malattia”.

Il benessere psicofisico definisce la qualità della vita ed è favorito da un buon stato di salute del corpo, reso possibile anche da un’alimentazione variata e bilanciata, un regolare ritmo sonno-veglia e lo svolgimento di attività fisica. Non è altro che uno stato felice di salute, di forze fisiche e morali.

Esiste uno stretto legame tra processi fisiologici e mentali che influenza il nostro di salute. Godere di buona salute è un nostro diritto, ma sta a noi prenderci cura di questo aspetto. ‘Mens sana in corpore sano’ è un motto che viene utilizzato per identificare la stretta relazione tra benessere fisico e mentale. Mente e corpo sono due mondi in continua influenza reciproca.

Spesso alcuni disturbi o malattie psicosomatiche sorgono in risposta a situazioni di disagio o stress, derivanti da emozioni negative che tengono il corpo in continua tensione. Uno stato emotivo negativo può essere l’origine di una malattia fisica. Ma allo stesso modo l’insorgere di uno stato emotivo positivo può portare alla guarigione.

Quando sforzi e fatica impegno e dedizione non arrivano ad ottenere il benessere psicofisico, e quindi un buono stato di salute, si può prendere in considerazione anche la possibilità della chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica perché attraverso il miglioramento delle forme e dei volumi corporei si può contribuire a ritrovare il benessere psicofisico od al alleviare alcune sofferenze del corpo e/o dell’animo.

La chirurgia plastica può restituire autostima e sicurezza, può aiutare a superare un complesso o un senso di inferiorità, può contribuire all’equilibrio di chi si sente fragile a causa di un viso segnato dalle rughe o da un corpo non più tonico, ma prima di arrivare alla chirurgia il percorso deve sempre prevedere uno stretto dialogo medico paziente, costruendo quell’alleanza terapeutica in cui si trovi il tempo di capire quali sono i bisogni fisici e psicologici della persona che ricorre ad un intervento, per rispettare le sue necessità in un contesto etico che abbia come fine ultimo il benessere del paziente. Difatti, oggi la chirurgia estetica non può essere considerata un semplice gesto tecnico ma una ricerca non già della perfezione estetica ma dell’armonia fra immagine di sé e realtà.

Le motivazioni che inducono una persona a ricorrere alla chirurgia e alla medicina estetica, scaturiscono dal desiderio di raggiungimento di un modello estetico che rasenta la perfezione. La tv, il cinema, le riviste e il web hanno da sempre hanno cooperato nella formazione di questo modello di bellezza irraggiungibile innescando in donne e uomini senso di inadeguatezza ed inferiorità.

Queste sensazioni si amplificano in periodi di intenso stress o in depressione abbassando il livello di autostima delle persone Dove tutti hanno alla base il bisogno di vedersi in modo diverso da come sono.

Queste informazioni sono fondamentali per capire se la decisione di effettuare l’intervento dipende da uno stato di sofferenza psicologica o da motivazioni di reale inestetismo corporeo.

Se inestetismo corporeo crea un profondo disagio psicologico, la chirurgia plastica ed estetica può essere una valida risorsa per migliorare il benessere psicofisico.

Negli ultimi tempi si sente spesso parlare di body contouring, una tecnica che mira ad armonizzare i volumi ed i profili del corpo, scolpendo in modo preciso tute le parti del corpo per valorizzare l’aspetto slanciando le forme migliorando le imperfezioni ed esaltando la muscolatura.

In questo ambito la Scultura Muscolare è la tecnica più innovativa di chirurgia plastica ed estetica; migliora e armonizza i profili e i volumi del corpo donando un aspetto proporzionato e atletico. Sviluppata dal Dott. Cristiano Monarca, è attualmente riconosciuta a livello internazionale come il gold-standard per il body contouring. Il risultato è definitivo: il grasso asportato non si riformerà più.

Scultura muscolare per migliorare il benessere psicofisico: cos’è e a chi è destinata

benessere psicofisico

La Scultura Muscolare è efficace sia sugli uomini che sulle donne, e permette di evidenziare i muscoli e armonizzare le forme. Ne risulta un corpo dall’aspetto attraente e atletico.

Un uomo in moderato sovrappeso potrà eliminare per sempre i ‘chili in eccesso’ ed avere un fisico tonico e virile; una donna potrà ottenere fianchi snelli e glutei alti e slanciati, ritrovando le proporzioni ideali del corpo femminile.

Le diete esasperate saranno solo un lontano ricordo, ritroverete il piacere di sedervi a tavola e seguire un’alimentazione sana senza l’ansia di ingrassare. Tale tecnica è ideale per i pazienti che si allenano in maniera regolare, per gli ex sportivi e anche per chi conduce una vita sedentaria.

Questa operazione chirurgica non sostituisce la perdita di peso: i migliori candidati sono pazienti con peso normale o in moderato sovrappeso. Nei pazienti obesi o ex obesi invece, la Scultura Muscolare ha lo scopo di ridurre gli accumuli adiposi dell’individuo e nel contempo risolvere il profondo disagio psicologico legato a un aspetto fisico poco gradevole, che spesso rimane tale anche dopo gli interventi tradizionali della chirurgia dell’obesità.

La Scultura Muscolare affronta l’obesità con tecniche mirate e consolidate che, in uno o più tempi chirurgici, ripristinano un fisico armonioso con un aspetto proporzionato e gradevole mediante un preciso rimodellamento del corpo. Con questo nuovo aspetto il paziente riprende una vita sociale attiva, migliora la propria autostima e molto spesso è fortemente determinato a seguire uno stile di vita attivo e un’alimentazione corretta.

Come si esegue la Scultura Muscolare e tempi di recupero

L’intervento chirurgico viene eseguito mediante una tecnica innovativa di rimodellamento del corpo, scolpendo rimodellando i tessuti utilizzando minime incisioni, nascoste nelle pieghe naturali del corpo. I tempi di recupero sono di circa 7 -12 giorni, durante i quali il paziente indosserà una guaina compressiva.

L’attività fisica potrà essere ripresa in maniera graduale già dopo una decina di giorni. I tempi di ripresa potranno comunque variare individualmente ed in base al tipo di intervento richiesto.

La Scultura Muscolare viene eseguita in regime di Day-Hospital o di Ricovero Ordinario (con una notte di degenza) in anestesia generale. Il Dott. Monarca effettuerà un’accurata visita clinica al fine di stabilire il trattamento più indicato per ogni singolo paziente.