Calmare l’ansia, tre tisane fanno miracoli: quali sono

0
209

L’ansia, per chi ne soffre, può essere un disturbo davvero invalidante: ecco tre tisane in grado di calmarla all’istante

tisane contro ansia
tisana (Pixabay)

Tutti, almeno una volta nella vita, vengono sopraffatti dall’ansia. Questa rappresenta uno stato di agitazione e preoccupazione generalizzati, ai quali spesso non si riesce a dare neanche un significato, o che sono proiettati a minacce future. Ad esempio, si può essere in ansia prima di un esame o di un’operazione.

In alcuni casi, un soggetto predisposto mentalmente, può soffrire di ansia a livello cronico. Tale condizione può essere davvero invalidante, perché non permette di star bene e di vivere appieno giornate e circostanze felici.

L’ansia, inoltre, può scatenare diverse reazioni: c’è chi si immobilizza, chi piange, chi diventa iperattivo, chi si chiude in se stesso. Alcune di queste rendono tale emozione, che talvolta può essere positiva, in negativa.

Le tre tisane miracolose contro l’ansia

tisane contro ansia
tisana (Pixabay)

Nei casi in cui l’ansia, come accennato, sia invalidante, non c’è altro da fare che rivolgersi ad uno specialista. Se invece si tratta di una condizione passeggera o, comunque, non così grave, si può ricorrere al più classico dei rimedi: la tisana.

La tisana, in base alle erbe che la compongono, può regalare diversi benefici. In particolare, pare ce ne siano tre che son davvero miracolose in tal senso: il biancospigno, il tiglio e la melissa. La prima erba calma il battito cardiaco e riduce la pressione nel sangue, la seconda invece è digerente e calma le vie respiratorie. L’ultima, come anche la passiflora e l’escolzia, concilia il sonno.

Per godere appieno degli effetti di una tisana contro l’ansia, c’è bisogno di creare un ambiente calmo e rilassante intorno a sé. Nel sorseggiarla, magari ad occhi chiusi, è bene concentrarsi sulla respirazione che dovrà essere lunga e lenta, con il profumo delle erbe che entra nelle narici. Un ruolo fondamentale in tutto ciò è svolto anche dal tempo: non bisogna in alcun modo andare di fretta, bensì è necessario prendersi lunghe pause durante questa sorta di rituale.