Metabolismo rallentato o bloccato: come riattivarlo

Metabolismo bloccato
Come attivare il metabolismo

Una linea perfetta, è il risultato di una serie di co-fattori, che cooperano per favorire un corretto funzionamento dell’organismo: l’alimentazione, l’attività fisica e il riposo notturno, sono i fattori che per primi contribuiscono a migliorare la forma fisica. Seguire una dieta adeguata, conforme alle specifiche esigenze personali del paziente, svolgere un’attività fisica costante e riposare per almeno sei/otto ore ogni notte, aiuta a perdere peso e a migliorare l’equilibrio della macchina corpo. Spesso però, il metabolismo bloccato o rallentato impedisce la perdita di peso nonostante l’alimentazione, l’attività fisica e il riposo.

L’età è il primo fattore importante da tenere i considerazione: man mano che questa aumenta, il metabolismo tende a rallentare, o a bloccarsi. Ci sono però delle tecniche e delle metodologie precise per poterlo riattivare e per migliorare il suo funzionamento, cosi da ripristinare le funzioni fisiologiche dell’organismo, e conservare nel tempo, la giusta forma fisica.

In primis, quando il metabolismo è bloccato,è necessario aumentare l’efficienza metabolica, aumentando la percentuale di dispersione di calorie. I magri che mangiano quantitativi superiori rispetto alla media di cibo, hanno semplicemente un livello di dispersione energetico superiore. La quantità di calorie che viene introdotta nel corpo quotidianamente, viene impiegata in parte e per il resto viene dispersa, per cui, minore è il quantitativo di calorie, maggiore sarà l’efficienza metabolica dell’organismo.

Per dimagrire, è necessario ricostruire il metabolismo bloccato, e questo significa accettare che il corpo ritrovi un suo equilibrio, nel quale, è possibile che avvenga un aumento di peso, e poi solo in seguito, un dimagrimento.

Esistono diverse tecniche per riattivare il metabolismo bloccato:

  1. Muoversi costantemente e praticare attività fisica almeno tre volte a settimana. Il tempo e la costanza, sono due fattori fondamentali per favorire la perdita di peso; camminare per almeno un’ora al giorno a passo svelto, aiuterà certamente a dimagrire. Lo stesso vale per tutti gli altri sport. Nei primi 30 minuti di allenamento, non si bruciano calorie, per cui è importante essere costanti sia nel tempo impiegato ad allenarsi che nel numero delle volte in cui ci si allena.
  2. Non esiste il dimagrimento localizzato, per cui, per raggiungere una linea perfetta è necessario seguire un programma alimentare adeguato e praticare esercizio fisico in modo costante.
  3. Le proteine aiutano a bruciare i grassi, ma anche i carboidrati sono necessari anche se vanno limitati moltissimo in una dieta sana
  4. Mangiare poco, ma almeno cinque volte al giorno, aiuta ad attivate il metabolismo
  5. Ridurre lo stress e dormire almeno sei ore a notte

Commenti

commento